Mal d’auto nei bambini: come risolverlo

Il mal d’auto è un disturbo comune che affligge molti bambini, rendendo problematico un percorso in automobile anche di pochi chilometri
Il nome scientifico dei disturbi da movimento è cinetosi (o chinetosi) e riguarda tutta quella serie di disturbi che si verificano in occasione di viaggi più o meno lunghi su mezzi di trasporto di diverso tipo (navi, aerei, treni, automobili, autobus ecc).
I neonati soffrono assai raramente di cinetosi mentre l’età più colpita è dai 2 ai 12 anni; i sintomi solitamente migliorano dopo i 15 – 20 anni.

Mal d'auto nei bambini come risolverlo
Il meccanismo scatenante la cinetosi è una stimolazione anomala delle strutture deputate al controllo dell’equilibrio. Movimenti o posture corporee inusuali dovute ad esempio a ripetute accelerazioni, frenate, curve ecc. determinano, nei soggetti sensibili, questo tipo di sollecitazione. Anche gli stimoli visivi , in particolare la sensazione di vedere il paesaggio scorrere lateralmente rispetto alla direzione di marcia può “disturbare” l’organo dell’equilibrio.
I disturbi più comuni sono nausea e vomito, ai quali può accompagnarsi uno stato di malessere generale, pallore, mal di testa: niente di grave, certo, ma quanto basta per rendere il viaggio davvero poco piacevole per tutti.

Ecco dunque qualche piccolo consiglio per aiutare un bambino che soffre di mal d’auto ad affrontare meglio gli spostamenti:
1.Partire a stomaco pieno, ma non dopo un pasto pesante e durante il viaggio mangiare di tanto in tanto un grissino o un cracker o un pezzo di pane o comunque cibi secchi e non dolci
2.Limitare l’assunzione di liquidi subito prima e durante il viaggio
3.Sistemarsi nel punto più stabile del veicolo rispettando però innanzi tutto le norme di sicurezza
4.Tenere occupati i bambini con giochi storielle e canzoncine, evitando però che muovano molto il capo o che sfoglino libri o giornalini ed invitandoli a guardare nel senso di marcia.
5.Evitare il fumo, il caldo eccessivo e garantire un buon ricambio d’aria
6.Se possibile viaggiare durante le ore notturne per favorire il sonno: dormendo si avverte meno il disturbo.
7.Far ogni tanto una sosta e far scendere il bambino se il viaggio è lungo o se il bambino avverte i primi sintomi di cinetosi.
8.Portare comunque sacchetti e tovagliolini detergenti per non farsi cogliere impreparati…

Per i più grandi possono essere di aiuto le apposite gomme da masticare disponibili in farmacia o i cerotti transdermici. Per i più piccoli, se il disturbo è davvero ingestibile, si può prendere in considerazione, su consiglio del pediatra curante, la somministrazione, prima della partenza di un antistaminico che allevia i sintomi, ma induce sonnolenza.

Prezzo: EUR 10,85
Da: EUR 14,36
Un rimedio innocuo e spesso efficace è rappresentato dai braccialetti anti-vomito che sfruttano il principio della digitopressione: l’importante è che vengano posizionati correttamente secondo le istruzioni e tenuti per tutto il viaggio.