Madre stressata, femmina in arrivo. Influenza dell abitudini di vita in gravidanza sulla salute del bambino.

Sembra solo una curiosità, ma ci aiuta a capire quanto lo stile di vita in gravidanza possa influenzare lo sviluppo futuro del bambino. Un autorevole studio pubblicato dalla prestigiosa rivista “Nature” negli ultimi mesi del 1999 dimostra che, nell’animale, uno stress prolungato come ad esempio l’eccessivo affollamento in uno spazio ristretto o un inverno eccessivamente piovoso riduca il numero dei nati di sesso maschile.

madre stressata femmina in arrivo

La spiegazione non è facile, ma si pensa che il fenomeno sia dovuto alla maggiore “fragilità” dei feti maschi agli eventi stressanti vissuti durante la gravidanza. E’ difficile trasferire questi dati alla gravidanza umana, tuttavia alcune correlazioni tra lo stress, le abitudini di vita della madre e lo sviluppo del bambino cominciano ad emergere anche nella specie umana.Uno studio giapponese ha rilevato che, in seguito al devastante terremoto di Kobe, nel 1995, il numero dei neonati maschi si era ridotto significativamente, confermando precedenti studi inglesi.

Altri effetti dello stress

Lo stress provoca un aumento del cortisolo, un ormone che sarebbe responsabile del parto prematuro, tra le principali cause di morte neonatale e di complicanze nel bambino. Lo stress puo’ produrre inoltre ipertensione in gravidanza, causa di ridotto peso del feto e del neonato e gravi problemi nella madre.
Altri fattori che possono danneggiare il feto sono l’eccessivo consumo di bevande alcoliche, il fumo e le droghe. Che un elevato consumo di alcolici potesse avere un effetto negativo sullo sviluppo del bambino e causare anche malformazioni, è noto da tempo; non è chiaro invece quale sia l’effetto di una moderata assunzione di alcool. E’ interessante notare che soprattutto le madri più in la con gli anni mettono in pericolo il bambino, se consumano eccessivo alcool, rispetto alle donne più giovani.Il fumo invece incide sullo sviluppo del bambino, sul parto pretermine e sulla mortalità perinatale, soprattutto se si superano 10 sigarette al giorno (ma la sospensione totale è preferibile). Infine il consumo di droghe, come la cocaina produce una riduzione del flusso di sangue che nutre il bambino e in alcuni casi si osserva un’ associazione tra consumo di cocaina e difetti di sviluppo del feto.