Benessere psicofisico della puerpera e sviluppo della relazione empatica della coppia in gravidanza.

Nell’ambito della psicologia della salute e come contrapposizione al concetto di patologia, ci inseriamo in uno dei vissuti più significativi della vita dell’uomo: il concepimento, la gestazione e la nascita.

Tutti vivremmo più felici se il concepimento fosse vissuto come una libera scelta: volere un figlio per amarlo e prendersi cura di lui, senza che sia un mezzo per soddisfare altri bisogni, come la realizzazione personale, la sicurezza o l’approvazione sociale.
Una volta che la gravidanza è stata decisa, la consapevolezza può presentarsi in ogni momento: all’inizio, a metà, persino alla fine della gravidanza stessa.

benessere in gravidanza

Certamente acquisire al più presto consapevolezza della gravidanza ha il vantaggio di conoscere meglio l’intero processo, ciò che sta accadendo al nostro corpo esternamente e internamente, vivere tutte le sensazioni e gestire meglio la gravidanza-parto e il periodo di post-parto.

Nella relazione diàdica, la dinamica della coppia, attraverso la presa di coscienza e ridiscussione delle proprie motivazioni, aspettative e valori, conduce allo sviluppo graduale di uno spazio che sarà quello del passaggio importantissimo da “coppia” a “famiglia”.

L’importanza del benessere psicofisico della puerpera e della relazione col proprio figlio e dall’altra i comportamenti positivi individuali tesi all’identificazione dei ruoli maternità-paternità, trasmettono una migliore interazione madre-neonato che è alla base del livello di competenze raggiunte.

Infine l’interazione madre-neonato consente l’articolazione comunicativa che è il punto di partenza per attivare dello sviluppo del bambino. Una madre consapevole è una madre competente, capace di attivare e soprattutto interpretare le predisposizioni comunicative e sociali del neonato.